Storie - La cura delle parole
15269
paged,page-template,page-template-blog-masonry-full-width,page-template-blog-masonry-full-width-php,page,page-id-15269,paged-2,page-paged-2,theme-bridge,bridge-core-2.5.3,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,columns-3,qode-theme-ver-23.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

Storie

 

Si fanno scoperte interessanti, nella giungla. All’inizio pensavo fosse tutta colpa della durezza della palafitta in cui dormivo; poi del ragno gigantesco annidato dietro la lampada a olio che tesseva imperturbabile un lenzuolo di tela; in seguito del disagio del fare i bisogni tra cespugli...

Ero appena tornata da un viaggio faticoso, in Iraq, e mi godevo il sole in un ristorante sulla Corniche di Beirut. Mi pregustavo il kebab e il tabouleh e l’arak e la primavera delle stagioni e della mia vita. Era da tanto che non mi...

L’altra notte ho sognato di essere in ascensore e l’ascensore a un certo punto dava di matto e mi spingeva verso l’esterno e stringevo i denti e non mollavo, mi voleva espellere lateralmente, ma non mollavo, poi atterravamo in un ampio slargo in un paesaggio...

Ci sono momenti in cui mi coglie una sconfinata esuberanza e penso siano i sogni che sogno di nuovo la notte, a caricarmi mentre dormo. L’altra sera, dopo uno scambio di sms con il mio ex fidanzato, sono andata a letto agitata e al mattino mi...

Ci sono dei viaggi brevi che tuttavia restano.  Incontri con maestri inaspettati, che spalancano finestre. Karma è certamente uno di questi.  Non l’avevo cercato, in realtà inseguivo le sue erbe.  Ora che ci penso, ma vi ho detto dove mi sono cacciata?  In cima a un monte, sotto una tenda,...

Ci eravamo incontrati nell’atrio di un albergo di Shanghai. Era arrivato, indolente, la faccia da indio, gli stivali da cowboy.  “Una birra?”  Non l’avevo mai visto, prima. Non avevo mai detto si, prima, a uno che non avevo mai visto prima. Venivo da un lungo inverno; ero...

“Perché non parli mai di Istanbul?”, mi chiede un amico. Ha ragione. Non ne parlo mai. Scrivo spesso di Beirut, qualche volta del Cairo e di New York, invece il Bosforo è come scomparso dal mio radar. Click: cancellato. “Che ti hanno fatto i turchi?” incalza il mio amico. Sono...

Alloggiavo nella stanza numero tre sull’Oceano Indiano, a Nosy Be. La stanza era una capanna di un piccolo hotel, di nome Belvedere, su un promontorio spettacolare che dominava la spiaggia Andilana.  La proprietaria del Belvedere aveva capito tutto.   Si chiamava Virginie, aveva 60 anni e sangue...

Non so dire cosa sia stato. Forse l’aria rarefatta, o lo sguardo limpido di un abate buddista che non aveva mai visto altro, al mondo, se non la sua montagna, eppure il  mondo ce l’aveva dentro, più di me, che dormo con la valigia accanto....

Il Colonnello B mi scriveva di notte. Di giorno era il comandante del campo, di mille uomini asserragliati su un’altura in guerra. Di notte leggeva e pensava, solo nella sua tenda.  Avevo più di un amico nelle forze armate, conosciuti sui vari fronti, ma il Colonnello...