Home - La cura delle parole
14869
home,page-template-default,page,page-id-14869,theme-bridge,bridge-core-2.5.3,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,columns-3,qode-theme-ver-23.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive
Un laboratorio di scrittura autobiografica

Chi pensi

di essere?

Sei certo

di saperlo?

Che storie

ti racconti?

Ti chiedi, amica mia, come sarà l’anno nuovo e mentre penso al tuo pensiero mi viene in mente la placida corrente del Nilo, e una feluca senza motore, né direzione, preda della rosa dei venti e delle stagioni. Sarà che non credo nelle scadenze, e......

Una notte di Avvento, a Lalibela, i canti cominciarono all’una, e nelle valli buie echeggiò il suono dei tamburi e dei sistri. In chiesa, si accalcava una lacera fiumana, di mamme smunte coi neonati sul dorso, di contadini e pastori, avvolti negli scialli chiari. C’era......

A Nordest di Pyongyang, sulla collina Moran, la domenica è dolce. Il parco è il più romantico della capitale, con laghetti di loto e il profumo di acacia. Folle di coreani ballano vecchie canzoni sotto ampi gazebo; a danzare sono soprattutto anziani, con movenze sinuose......