Home - La cura delle parole
14869
home,page-template-default,page,page-id-14869,theme-bridge,bridge-core-2.5.3,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,columns-3,qode-theme-ver-23.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive
Un laboratorio di scrittura autobiografica

Chi pensi

di essere?

Sei certo

di saperlo?

Che storie

ti racconti?

A Nordest di Pyongyang, sulla collina Moran, la domenica è dolce. Il parco è il più romantico della capitale, con laghetti di loto e il profumo di acacia. Folle di coreani ballano vecchie canzoni sotto ampi gazebo; a danzare sono soprattutto anziani, con movenze sinuose......

Ogni tanto, quando mi sento sballottata me ne vado nel deserto, a fare ordine. Mi capita di bruciare i giorni ed è per ritrovare l’armonia che mi ritiro, in Egitto, tra i palmizi di Fayoum. L’antica casa che mi ospita ha un’ampia stanza con un’ariosa......

Avevo una gatta, a Beirut. Me la regalò un’amica, salvandola da una gabbietta su un marciapiede di Gemmayzeh. La chiamai Hamra, rossa in arabo, come il nome del mio quartiere, affacciato sulla mutevole immensità del mare. Era, all’inizio, così piccola che quando dormiva, raggomitolata sul......